All Category

L’agevolazione consiste in una detrazione dall’Irpef degli interessi passivi, e i relativi oneri accessori, pagati sui mutui ipotecari stipulati a partire dal 1998 per la ristrutturazione o la costruzione dell’abitazione principale.
In particolare, è possibile portare in detrazione il 19% degli interessi pagati, indicandone l’importo nella dichiarazione annuale dei redditi. L’importo massimo sul quale calcolare la detrazione è pari a 2.582,25 euro.

Per avere l’agevolazione il contribuente deve essere in possesso:
 delle quietanze di pagamento degli interessi passivi
 della copia del contratto di mutuo, dal quale risulti che lo stesso è stato stipulato
per realizzare gli interventi di costruzione o di ristrutturazione
 della copia della documentazione comprovante l’effettivo sostenimento delle spese di realizzazione degli interventi stessi.
LE CONDIZIONI PER RICHIEDERLA
È possibile richiedere la detrazione se ricorrono le seguenti condizioni:
 il mutuo deve essere stipulato nei 6 mesi antecedenti la data di inizio dei lavori di
costruzione o nei 18 mesi successivi
 l’immobile deve essere adibito ad abitazione principale entro 6 mesi dal termine
dei lavori di costruzione
 il contratto di mutuo deve essere stipulato dal soggetto che avrà il possesso dell’unità immobiliare a titolo di proprietà o di altro diritto reale